Come salvaguardare la pelle delle mani in seguito ai lavaggi frequenti

Come salvaguardare la pelle delle mani in seguito ai lavaggi frequenti

Lavarsi le mani frequentemente è essenziale se si desidera prevenire la diffusione di virus e batteri (o, nel caso in cui l’acqua non fosse disponibile, l’utilizzo di un disinfettante a base alcolica). Ma anche l'acqua del rubinetto e alcuni prodotti possono impoverire il naturale film idrolipidico, predisponendo all'insorgenza di fenomeni irritativi, arrossamenti, disidratazione e pelle secca, rischiando anche di aggravare patologie cutanee preesistenti come l’eczema. Fatto salvo che è indispensabile continuare a seguire scrupolosamente questa norma igienica (soprattutto in questo periodo per contenere la pandemia e, quindi, il rischio di contagio) è però possibile ridurre al minimo il fastidio della pelle screpolata seguendo le opportune indicazioni. 

Quindi, come trattare e riparare le mani danneggiate causate da lavaggi frequenti?

Meglio l’acqua calda o fredda? 
Ai fini del corretto lavaggio delle mani, non ha importanza usare acqua calda o fredda. La temperatura dell’acqua non incide sulla qualità del lavaggio poiché è stato dimostrato che sia l’acqua calda che l’acqua fredda hanno simile attività antibatterica. L’acqua troppo calda secca la pelle e aggrava la secchezza, aumentando il livello di sensibilità e rimuovendo lo strato di grassi che protegge la cute. Al contrario, l’acqua tiepida ha un effetto molto meno essiccante e ha il vantaggio di stringere i vasi. 

Detergenti
Uno dei problemi maggiori per gli operatori sanitari, in questi giorni non solo per loro, infatti, è che il lavaggio frequente con acqua e sapone tende a fissurare le mani, soprattutto se il sapone usato è irritante; il potere irritante dei detergenti viene mitigato se nella formulazione dello stesso sono presenti tensioattivi delicati (i cosiddetti saponi-non saponi). I detergenti proprio per l’azione di pulizia che esercitano tendono a denaturare le proteine dello strato corneo, modificando i lipidi intercellulari, riducendo l’adesione dei corneociti e la capacità di trattenere acqua da parte dello strato corneo, ecco perché il lavaggio frequente secca le mani.

Soluzioni idroalcoliche
L’uso di prodotti a base alcolica con emollienti, può in parte ridurre questo fenomeno, per questo il loro uso è raccomandato se le mani non sono visibilmente sporche e non è disponibile nelle immediate vicinanze un lavandino, l’acqua e il sapone. La maggior parte degli antisettici per le mani a base di alcool contiene isopropanolo, etanolo, n-propanolo, o una combinazione di due di queste molecole. Le soluzioni alcoliche più efficaci sono quelle che contengono il 60-80% di alcool e concentrazioni più elevate si dimostrano meno potenti, in quanto le proteine non vengono denaturate altrettanto facilmente in assenza di acqua. In alcuni prodotti vi è una percentuale del titolo alcolico inferiore al 60-80%, ma la riduzione del titolo alcolico viene compensata dall’aggiunta, in concentrazioni opportune, di un altro agente antisettico, per esempio la Cloramina-T, un composto che libera cloro esattamente come la candeggina. È fondamentale mantenere l’integrità della cute delle mani perché se sono fissurate è minore l’aderenza al lavaggio perché lavarle procura dolore. 

Pericoli connessi alla fissurazione delle mani
La cute secca può facilmente andare incontro ad arrossamenti e fissurazioni che consentono a batteri e virus di entrare, provocando infezioni. L’esempio più classico è quello della notevole secchezza che si riscontra nella dermatite atopica che è infatti caratterizzata da infiammazione, piccole ferite e maggior predisposizione alle infezioni.

Anche l’asciugatura delle mani ha un ruolo importante nel mantenimento dell’integrità della cute delle mani: l’ideale è usare un asciugamano personale, tamponando anziché strofinando, da cambiare spesso o usando carta distribuita da un dispenser monouso. In ogni caso se il lavaggio è effettuato spesso è fondamentale applicare almeno 3\4 volte al giorno una crema per le mani. 

Come idratare correttamente le mani
Per contrastare la secchezza e ripristinare la componente lipidica sono indicate creme idratanti che proteggono e riparano la barriera cutanea. Le creme rappresentano il principale prodotto cosmetico impiegato per combattere il fenomeno delle mani screpolate. A tale scopo, la preferenza va rivolta verso le formulazioni contenenti glicerina, acido ialuronico, sorbitolo, pectine, mucillagini e proteine della seta, ingredienti specifici in grado di prevenire e contrastare le screpolature su più fronti.

Idealmente, le creme per le mani screpolate dovrebbero assorbirsi velocemente per evitare che l'untuosità residua ostacoli i movimenti e le normali azioni quotidiane e dovrebbero essere massaggiate sulle mani più volte al giorno, soprattutto prima di coricarsi per il riposo notturno. Da scartare le creme troppo profumate: i profumi possono infatti irritare la pelle o, nel peggiore dei casi, favorire persino fenomeni allergici.

Non smettere di lavare le mani
Se le mani sono irritate e la pelle è secca, può venire la tentazione di non rispettare la regola dei 30 secondi di lavaggio completo. Mai però come in questo particolare momento di emergenza sanitaria, dove il rischio di contagio è elevatissimo, mantenere degli elevati standard di igiene delle mani è fondamentale e tutto sommato, per quanto fastidioso e doloroso, ritrovarsi con le mani screpolate può davvero essere il minore dei mali.
 

Potrebbe anche interessarti


Ricerche frequenti
acido glicirretico acido ialuronico allergia antinfiammatorio antisettico attività antimicrobica burro di karitè capacità cicatrizzante carcinoma mammario coronavirus