Congress Report 2020: “DERMATREND, Dermatite atopica e Psoriasi. The real world”

Congress Report 2020: “DERMATREND, Dermatite atopica e Psoriasi. The real world”

DermaTrendNell’ambito della Web Edition del convegno scientifico “DERMATREND, Dermatite atopica e Psoriasi. The real world” svoltosi il 19 settembre scorso, un notevole (per numero e importanza) gruppo di Dermatologi si è confrontato su tematiche diagnostico-terapeutiche per discutere su patologie che costituiscono un carico numerico importante della attività clinica con lo scopo di migliorare l’assistenza ai pazienti.                          

Tra le varie sessioni riportiamo una particolarmente fruibile e utile in piccole pillole:

TALK SHOW: Fake news e realtà scientifiche in dermatite atopica e psoriasi
Qualche volta i pazienti si affidano ai consigli dispensati in rete (Dott. Google) e i medici devono essere assolutamente preparati a rispondere alle esigenze/richieste del paziente. Il “bravo dermatologo” deve capire cosa è veramente efficace secondo la letteratura scientifica e non quella popolare. Il paziente si deve rivolgere al medico per qualsiasi dubbio, propensione individuale o fashion food, affinché l’apporto dei nutrienti sia corretto.

Probioti. Il Microbiota cutaneo è particolarmente complesso per composizione/sede sul corpo umano e viene sicuramente influenzato dal microbiota intestinale. Alcuni bacilli hanno un apporto sicuramente favorevole in alcune patologie cutanee come la Dermatite Atopica, in quanto ad essi viene riconosciuto il ruolo modulatorio sull’aspetto citochimico dell’infiammazione. Viene approvata la somministrazione sistemica, molti dubbi sull’applicazione topica. In entrambi i casi, grande attenzione deve essere posta a quale bacillo prendere in considerazione: alcuni bacilli producono “istamina” provocando un effetto inverso a quello desiderato.

Nutraceutici. Alimenti o parti di essi, in grado di agire sulla prevenzione o coadiuvando il trattamento di una patologia associando una componente nutritiva con principi attivi di comprovata efficacia. Presupposto che il nutraceutico venga assorbito! 

Le classi di nutraceutici potenzialmente utili sono: Oli vegetali, Polifenoli, Vitamine e Carotenoidi.
Oli: i semi di diverse piante sono una fonte importante di acidi grassi polinsaturi e in considerazione del fatto che l’uomo ha una limitata possibilità di sintetizzare PUFA, la dieta rappresenta la principale fonte di approvvigionamento.   Agiscono modulando alcuni fattori citochimici di infiammazione cutanea (studi su Dermatite Atopica e Acne)
Polifenoli: viene citato l’estratto secco di foglie di Ribes nigrum per la capacità di abbassare in maniera concentrazione/risposta alcune interleuchine coinvolte nei processi infiammatori. Dati emergenti suggeriscono efficacia nel trattamento dell’orticaria.
Carotenoidi: beta-carotene e licopene, di cui è stato dimostrato di proteggere dal danno delle radiazioni UV.
Vitamine: soprattutto tocoferoli, Vitamine A, C e D (utile anche in pazienti affetti da orticaria).
 


Ricerche frequenti
acido glicirretico acido ialuronico allergia antinfiammatorio antisettico attività antimicrobica burro di karitè capacità cicatrizzante carcinoma mammario coronavirus